HomeBlogCorsiCALL and PUT opzioni: introduzione e concetti base

CALL and PUT opzioni: introduzione e concetti base

Cosa sono le opzioni: Calls e Puts? – CALL and PUT opzioni: introduzione e concetti base

Un’opzione è un derivato, un contratto che dà all’acquirente il diritto, ma non l’obbligo, di comprare o vendere l’attività sottostante entro una certa data (data di scadenza) a un prezzo specificato (prezzo di esercizio). Ci sono due tipi di opzioni: call e put. Le opzioni di tipo americano possono essere esercitate in qualsiasi momento prima della loro scadenza. Le opzioni di tipo europeo possono essere esercitate solo alla data di scadenza.

I due tipi di opzioni più comuni sono le call e le put:

  1. Opzioni call

Le call danno all’acquirente il diritto, ma non l’obbligo, di acquistare l’attività sottostante al prezzo di esercizio specificato nel contratto di opzione. Gli investitori comprano le call quando credono che il prezzo dell’attività sottostante aumenterà e vendono le call se credono che diminuirà.

  1. Opzioni put

Le put danno all’acquirente il diritto, ma non l’obbligo, di vendere l’attività sottostante al prezzo d’esercizio specificato nel contratto. L’autore (venditore) dell’opzione put è obbligato a comprare il bene se l’acquirente put esercita la sua opzione. Gli investitori comprano put quando credono che il prezzo del bene sottostante diminuirà e vendono put se credono che aumenterà.

Payoffs per le opzioni

Call

L’acquirente di un’opzione call paga il premio dell’opzione per intero al momento di stipulare il contratto. In seguito, l’acquirente gode di un potenziale profitto se il mercato si muove a suo favore. Non c’è la possibilità che l’opzione generi ulteriori perdite oltre il prezzo d’acquisto. Questa è una delle caratteristiche più attraenti dell’acquisto di opzioni. Per un investimento limitato, l’acquirente si assicura un potenziale di profitto illimitato con una perdita potenziale conosciuta e strettamente limitata.

Se il prezzo spot del bene sottostante non sale al di sopra del prezzo di esercizio dell’opzione prima della scadenza dell’opzione, l’investitore perde l’importo pagato per l’opzione. Tuttavia, se il prezzo del bene sottostante supera il prezzo d’esercizio, allora l’acquirente dell’opzione realizza un profitto. L’importo del profitto è la differenza tra il prezzo di mercato e il prezzo di esercizio dell’opzione, moltiplicato per il valore incrementale del bene sottostante, meno il prezzo pagato per l’opzione.

Per esempio, un’opzione stock è per 100 azioni dell’azione sottostante. Supponiamo che un trader compri un contratto di opzione call sulle azioni ABC con un prezzo di esercizio di 25 dollari. Paga 150 dollari per l’opzione. Alla data di scadenza dell’opzione, le azioni ABC vengono vendute a $35. L’acquirente/titolare dell’opzione esercita il suo diritto di acquistare 100 azioni ABC a 25$ per azione (il prezzo di esercizio dell’opzione). Vende immediatamente le azioni all’attuale prezzo di mercato di 35 dollari per azione.

Ha pagato $2.500 per le 100 azioni ($25 x 100) e vende le azioni per $3.500 ($35 x 100). Il suo profitto dall’opzione è di 1.000 dollari (3.500 dollari – 2.500 dollari), meno il premio di 150 dollari pagato per l’opzione. Così, il suo profitto netto, esclusi i costi di transazione, è di 850 dollari (1.000 dollari – 150 dollari). Questo è un ottimo ritorno sull’investimento (ROI) per un investimento di soli 150 dollari.

Put

Un’opzione put dà all’acquirente il diritto di vendere il bene sottostante al prezzo di esercizio dell’opzione. Il profitto che l’acquirente fa sull’opzione dipende da quanto il prezzo spot cade al di sotto del prezzo d’esercizio. Se il prezzo spot è inferiore al prezzo d’esercizio, allora l’acquirente dell’opzione put è “in-the-money”. Se il prezzo spot rimane superiore al prezzo d’esercizio, l’opzione scade senza essere esercitata. La perdita dell’acquirente dell’opzione è, di nuovo, limitata al premio pagato per l’opzione.

L’autore della put è “out-of-the-money” se il prezzo spot dell’attività sottostante è inferiore al prezzo di esercizio del contratto. La loro perdita è uguale al profitto dell’acquirente dell’opzione put. Se il prezzo spot rimane al di sopra del prezzo d’esercizio del contratto, l’opzione scade senza essere esercitata e il venditore intasca il premio dell’opzione.

Applicazioni delle opzioni: Call e Put

Le opzioni: call e put sono usate principalmente dagli investitori per coprirsi dai rischi negli investimenti esistenti. Succede spesso, per esempio, che un investitore che possiede azioni compra o vende opzioni sulle azioni per coprire il suo investimento diretto nell’attività sottostante. I suoi investimenti in opzioni sono progettati per compensare almeno parzialmente le perdite che possono essere sostenute nell’attività sottostante. Tuttavia, le opzioni possono anche essere utilizzate come investimenti indipendenti…

CALL and PUT opzioni: introduzione e concetti base – Ecco i nostri Corsi in Opzioni Americane!

Per questo, attraverso il blog che stai leggendo e che speriamo continuerai a leggere, vogliamo provare a darti qualche idea di base su cosa sono le opzioni, perché e come si usano, vantaggi e svantaggi.

Cercheremo di essere anticonvenzionali, con delle spiegazioni più intuitive che scientifiche, sperando che tu possa appassionarti ad uno strumento che – ne siamo convinti – è in grado di cambiare radicalmente il tuo approccio al trading o all’investimento….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close