Trading: cosa significa fare trading?

Cos’è il trading e come funziona?

Il trading finanziario non è diverso da qualsiasi altra forma di trading: si tratta di acquistare e vendere attività con l’obiettivo di ottenere un profitto. Scoprite i concetti chiave, i partecipanti e i mercati coinvolti nel trading finanziario.

Che cos’è il trading?

Il trading è l’acquisto e la vendita di strumenti finanziari al fine di ottenere un profitto. Questi strumenti sono costituiti da una serie di attività a cui viene assegnato un valore finanziario che sale e scende, e si può fare trading sulla direzione che prendono.

Avrete sentito parlare di azioni, quote e fondi. Ma ci sono migliaia di mercati finanziari che si possono negoziare e una varietà di prodotti che si possono utilizzare per farlo.

Potete esporvi a mercati diversi come lo S&P 500, il FTSE 100, le valute globali come il dollaro USA o lo yen giapponese, o persino le materie prime come il maiale magro o il bestiame.

Per iniziare, è necessario creare un conto su una piattaforma che offra questi mercati. La nostra piattaforma di trading online offre una serie di mercati finanziari che consentono di speculare sul rialzo o sul ribasso del prezzo di un’attività. Inoltre, abbiamo redatto una guida al trading per principianti per aiutarvi a familiarizzare con i diversi mercati.

Trading vs. investimento

La differenza tra trading e investimento sta nel modo in cui si realizza il profitto e nella proprietà o meno dell’asset. I trader traggono profitto comprando al ribasso e vendendo al rialzo (long) o vendendo al rialzo e comprando al ribasso (short), di solito nel breve o medio termine.

Gli investitori mirano ad acquistare azioni a un prezzo vantaggioso e ad acquisire la piena proprietà del titolo. I profitti derivano dalla detenzione delle azioni e dalla loro vendita a un prezzo superiore. La speranza è che il prezzo delle azioni cambi nel lungo periodo e che l’investitore possa trarre profitto da questo movimento. Gli investitori potrebbero anche guadagnare sotto forma di dividendi, se la società li concede. Inoltre, avranno il diritto di voto degli azionisti.

Chi fa trading e chi investe?

I trader, a differenza degli investitori, sono coloro che preferiscono utilizzare la leva finanziaria e i derivati per andare long o short su una serie di mercati.

I singoli (chiamati trader al dettaglio), le istituzioni e i governi fanno trading. Partecipano ai mercati finanziari acquistando e vendendo attività con l’obiettivo di ottenere un profitto.

Nel 2021, i trader al dettaglio hanno rappresentato il 23% di tutto il trading azionario statunitense, il doppio rispetto al 2019, acquistando oltre 1,9 miliardi di dollari in azioni.1, 2 Questi numeri sono aumentati dopo che la volatilità legata al coronavirus ha colpito il mercato e i prezzi delle azioni hanno fluttuato a un ritmo senza precedenti.

Alcuni trader finanziari si dedicano a un particolare strumento o classe di attività, mentre altri hanno portafogli più diversificati. I governi e le istituzioni possono adattarsi a un ritmo molto più veloce, poiché spesso dispongono di dipartimenti che si concentrano sul trading di diversi settori e industrie. Le istituzioni rimangono i maggiori partecipanti al mercato, con il 77% degli scambi attribuiti a loro.

Per investire in borsa, i privati devono rivolgersi a un agente di cambio che eseguirà l’ordine. I privati fanno la loro due diligence, fanno ricerche prima di piazzare un’operazione, leggono i grafici, studiano le tendenze e il broker agisce per loro conto. I broker fanno trading dai loro conti privati, che finanziano e si assumono l’intero rischio di perdere il loro capitale.

Le istituzioni che fanno trading includono banche commerciali, hedge fund e società che hanno un’influenza sulla liquidità e sulla volatilità dei titoli sul mercato. Questo perché di solito si impegnano in operazioni in blocco, che comprendono l’acquisto o la vendita di almeno 10.000 azioni alla volta.

Queste entità possono trarre profitto dalla domanda e dall’offerta di beni o prodotti, dall’instabilità politica, dalla disponibilità di valuta (compreso il movimento dei tassi di interesse) e da molti altri fattori.

Come funziona il trading?

Quando si fa trading, si trae profitto se il prezzo di mercato della propria posizione si muove nella giusta direzione, mentre si perde denaro se il prezzo della propria posizione si muove nella direzione sbagliata.

La premessa fondamentale da ricordare è la domanda e l’offerta. Quando sul mercato ci sono più acquirenti che venditori, la domanda è maggiore e il prezzo sale.

Se sul mercato ci sono più venditori che acquirenti, la domanda si riduce e il prezzo scende.

L’esposizione agli asset può essere effettuata solo over the counter (OTC) o direttamente in borsa.

Il trading OTC prevede che due parti (trader e broker) si accordino sul prezzo di acquisto e vendita di un asset. Mentre una borsa è un mercato altamente organizzato dove è possibile negoziare direttamente un tipo specifico di strumento. Ad esempio, è possibile negoziare le azioni del Regno Unito alla Borsa di Londra (LSE).

Come si può notare, la maggior parte dei trader al dettaglio nel Regno Unito opera in OTC, utilizzando strumenti derivati come spread bet e CFD, perché le azioni sono più accessibili di quelle quotate in una borsa centralizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close